«Identità e Varietà nelle Scienze della Comunicazione»: all’USI la 53º riunione della DGPuK, la più importante associazione accademica tedesca delle Scienze della comunicazione (23.04.2008)

Da mercoledì 30 aprile a venerdì 2 maggio, l’Università della Svizzera italiana ospiterà a Lugano la 53º riunione della Deutschen Gesellschaft für Publizistik- und Kommunikationswissenschaft (DG PuK), la più importante associazione accademica tedesca delle Scienze della comunicazione, che riunisce oltre 800 ricercatori attivi nel campo.

Ad inaugurare i lavori saranno presenti l’ambasciatore tedesco in Svizzera, Andreas von Stechow ed il presidente dell’USI Prof. Piero Martinoli. Il titolo della conferenza è «Identità e Varietà nelle Scienze della Comunicazione» e l'obiettivo è quello di riflettere sulla disciplina partendo da prospettive diverse, ponendole in un contesto sia interdisciplinare che internazionale. In quest’ottica, la Facoltà di scienze della comunicazione dell’USI è stata scelta per ospitare l’importante evento sia in virtù della sua ricca offerta di corsi interdisciplinari, sia quale ponte accademico tra le diverse culture attive tanto a nord quanto a sud delle alpi.

Il vasto programma dei due giorni di lavoro (www.dgpuk2008.ch/pages/identitätundvielfalt.pdf), prevede quasi 60 presentazioni in diverse sessioni parallele e sarà arricchito dall’intervento di tre importanti relatori, ricercatori di fama mondiale nel settore della comunicazione: il primo maggio alle 09:30 Otfried Jarren, professore e direttore del‘Institut für Publizistikwissenschaft und Medienforschung der Universität Zürich (IPMZ), illustrerà il tema delle teorie sui media con una conferenza dal titolo «Die Medien der öffentlichen Kommunikation: Theoriearbeit als Herausforderung für die Kommunikationswissenschaft»; lo stesso giorno alle 15:15, Elihu Katz, professore alla Annenberg School for Communication, University of Pennsylvania, affronterà l’argomento degli effetti sortiti dai mezzi di comunicazione di massa con un discorso intitolato «On Conceptualizing Media Effects»; infine, venerdì due maggio alle 14:00, Sonia Livingstone, professoressa al Department of Media and Communications della London School of Economics e presidente dell’International Communication Association (ICA), affronterà il tema delicato dei media e dei bambini, attraverso una presentazione intitolata «The benefits and harms of media for children: reflections on academic contributions to the policy process».

Per tutti i giornalisti interessati a partecipare l’ingresso alle presentazioni è gratuito. Per eventuali interviste ai relatori, gli organizzatori sono sempre a disposizione (Simone Keller 077 451 05 22).

Tutti dettagli dei due giorni di lavoro sono consultabili dal sito: www.dgpuk2008.ch