Accordo di collaborazione tra l'Alta Scuola Pedagogica e l'UniversitÓ della Svizzera italiana (20.06.2008)

L’Alta scuola pedagogica (ASP) e l’Università della Svizzera italiana (USI) hanno siglato ieri un accordo finalizzato ad offrire un percorso formativo coordinato per docenti di lingua e letteratura italiana.

La formazione prevede il conseguimento del Master in Letteratura e civiltà italiana e del Diploma di formazione per l’insegnamento, permettendo una formazione in ambiente italofono nel biennio conclusivo degli studi, rivolta in particolare a quanti intendono diventare insegnanti di italiano nelle scuole medie e medie superiori svizzere.

L’ASP assume la formazione per il Diploma d’insegnamento per le scuole per il livello secondario I e II (scuole di maturità), secondo le disposizioni della Conferenza dei direttori della pubblica educazione (CDPE); l’USI, tramite l’Istituto di studi italiani (ISI) offre il Master (Laurea Magistrale) in Letteratura e civiltà italiana (MLCI).

In particolare si prevede che la direzione della tesi sia affidata a un docente titolare di un corso ufficiale all’interno del MLCI, in funzione di relatore per le competenze disciplinari, e a un docente dell’ASP, in funzione di correlatore per le competenze didattiche. Lo studente concorderà soggetto e metodi congiuntamente con il relatore e il correlatore.

Complessivamente la formazione prevede 90 ECTS per il conseguimento del Master in letteratura e civiltà italiana e da 60 a 94 ECTS per il Diploma di insegnamento, permettendo di ottenere un ottimo livello qualitativo.

L’accordo entra in vigore il 1°settembre 2008, ha durata biennale e, tenendo conto dei profondi cambiamenti prevedibili in questo settore, ha carattere sperimentale. Sarà valutato nel corso del secondo anno anche in relazione ad altre formule di percorsi formativi che conferiscono i medesimi titoli.

Per l’ASP l’accordo firmato con l’USI si inserisce in una più vasta politica di collaborazione a rete con altre università: in particolare si ricorda l’accordo con l’UNIL del 2 ottobre 2007 relativo alla formazione dei docenti di lingua e letteratura italiana e la convenzione con la Facoltà di teologia di Lugano del 28 maggio 2008, relativo alla specializzazione didattica e pedagogica per l’insegnamento della religione nell’ambito del Master in scienza, filosofia e teologia delle religioni.


Boris Janner, il direttore dell’ASP, e il presidente dell’USI Piero Martinoli
Fotografia in alta risoluzione


da sinistra: Sandro Rusconi, direttore della Divisione della cultura e degli studi universitari, Boris Janner, direttore dell’ASP, Albino Zgraggen, segretario generale dell'USI, Piero Martinoli, presidente dell’USI e Carlo Ossola, direttore dell’ISI
Fotografia in alta risoluzione