Tavola rotonda internazionale: “L’arte di governare attraverso le arti” (26.09.2008)

Si terrà venerdì 3 e sabato 4 ottobre 2008 a Roma, presso la Villa Medici e la Bibliotheca Hertziana, una tavola rotonda internazionale dal titolo L’arte di governare attraverso le arti. Friedrich-Melchior Grimm et les réseaux cosmopolites des Lumières. Le giornate sono organizzate da Christoph Frank, responsabile della Cattedra di Storia dell’arte e dell’architettura dell’Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana) e da Sergueï Karp dell’Accademia delle scienze della Russia (Mosca), in collaborazione con la Bibliotheca Hertziana.  

Grimm ha trascorso la maggior parte della sua vita in Francia e ha svolto un ruolo attivo di corrispondente letterario e di agente culturale nella cerchia che circondava il suo migliore amico Diderot. Secondo Goethe è stato l’unico tedesco a parlare e a scrivere perfettamente il francese. Tra

il 1753 ed il 1773 ha concepito e pubblicato la Correspondance littéraire, un giornale manoscritto quindicennale che informava i suoi lettori sugli eventi legati alla vita culturale della capitale francese. Le sue critiche e le sue recensioni sui saloni ebbero un forte impatto sulla costituzione delle collezioni d’arte in Germania, in Svezia, in Polonia ed in Russia. Nel 1773 – in seguito alla leggendaria visita di Diderot a San Pietroburgo – Grimm abbandona la pubblicazione della Correspondance littéraire per diventare il principale corrispondente culturale e l’intermediario di Caterina II a Parigi. È con questo ruolo che egli diventa uno dei più importanti personaggi del secolo dell’Illuminismo europeo.

La Correspondance littéraire insieme alla corrispondenza tra Caterina e Grimm sono l’oggetto di due progetti internazionali di pubblicazione che uniscono un grande numero di eccelsi specialisti. In questo senso la tavola rotonda L’arte di governare attraverso le arti ha come scopo la presentazione e la discussione dello stato attuale degli studi su Grimm che in questi ultimi anni hanno visto delle importanti scoperte.

Su queste basi, che comprendono la corrispondenza estesa e quella sconosciuta con l’imperatrice Caterina II di Russia, ed in seguito alla decisione di studiare, per la prima volta, sistematicamente e in dettaglio la corrispondenza conosciuta (in particolare con degli scrittori, artisti e mercanti d’arte che si rivolgevano all’imperatrice attraverso il suo intermediario Grimm), la pubblicazione attualmente in preparazione costituirà una delle ricostruzioni più dettagliate, mai realizzate, di una rete fondamentale di questa epoca. In tal modo si conosceranno meglio i documenti che testimoniano la trasmissione delle idee e delle abitudini culturali di Parigi, di Roma ma anche degli altri centri letterari ed artistici nell’Europa del Nord e dell’Est, in particolare in Russia.

L’ingresso alle due giornate di studio è libero.

Informazioni: