Altr’Arti 2012. Incontri primaverili d’arte - L'INDIA (15.02.2012)

6, 13, 20, 27 marzo, 3 aprile 2012
Auditorium, terzo piano ore 18.30
USI, Via Buffi 13, Lugano

&

21 aprile 2012, ore 15.00
Museo delle Culture, Lugano

Altr’Arti è il ciclo primaverile di incontri d’arte proposto dal 2006 dalla Società Ticinese di Belle Arti, che offre uno sguardo sull’arte delle cosiddette culture extra-europee, in un confronto utile anche alla comprensione dei linguaggi artistici dell’Occidente e dell’arte contemporanea in generale. Dal 2010 e fino al 2014, il ciclo si sofferma sulle grandi civiltà dell’Oriente.

Dopo il Giappone e la Cina, è ora la volta dell’India, il cui ricco e antico patrimonio iconografico si è diffuso in diverse aree del Sud-Est asiatico, subendo mutazioni anche radicali. L’Occidente non ha conosciuto la medesima interazione con l’arte dell’India come fu invece il caso della Cina e del Giappone, sebbene il complesso ideologico e spirituale indiano abbia fortemente affascinato e stimolato la cultura occidentale, in particolar modo nel corso del Novecento. I cinque interventi del ciclo hanno come obiettivo di fornire al pubblico delle chiavi di lettura per cogliere e comprendere le specificità di alcuni dei caratteri più distintivi dell’arte indiana, tra i quali spicca l’onnipresenza della figurazione - anche per le arti performative quali la danza e il teatro -, la valenza simbolica e il legame con l’ordine del divino. A chiusura del ciclo di incontri è prevista una visita guidata al patrimonio di arte indiana del Museo delle Culture.

Il programma di Altr’Arti è sviluppato con la collaborazione scientifica del Museo delle Culture e del Museo Cantonale d’Arte ed è presentato nell’ambito dell’iniziativa C@USI. Incontri culturali all’USI, promossa dal TEC-Lab, Facoltà di scienze della comunicazione, Università della Svizzera italiana.

Prosegue con questo ciclo l’iniziativa C@USI. Incontri culturali all’USI, promossa dal TEC-Lab  (www.tec-lab.ch), Facoltà di scienze della comunicazione, Università della Svizzera italiana, che, attraverso una programmazione variegata ed eterogenea, comprendente anche eventi legati alle arti figurative, alla musica e alla danza si propone di divenire promotore e contenitore culturale, capace di instaurare rapporti di duratura collaborazione con istituzioni esterne e di sollecitare la partecipazione di un pubblico giovane non solo agli appuntamenti culturali del territorio, ma anche alla programmazione stessa di C@USI.

La quota di partecipazione alle 5 conferenze del ciclo è di: Fr. 10.– per serata per i soci STBA; Fr. 12.– per serata per i non soci. Gratuito per studenti e disoccupati.
Le serate si pagano direttamente sul posto.
La quota di partecipazione per la visita guidata al Museo delle Culture è di: Fr 8.- per i soci STBA; Fr 12.- (tariffa piena) e Fr. 8.- (tariffa ridotta) per i non soci

Per informazioni: Benedetta Giorgi Pompilio, tel. +41 (0)91 9104787, cell +41 (0)76 3846535,
e-mail benedetta.giorgi@ti.ch, www.stba.ch

Calendario incontri:

  • Martedì 6 marzo 2012, ore 18.30, Università della Svizzera italiana, Auditorium
    Prologo. Il paese dell’abbondanza: l’India e le sue arti
    Relatore: Giulia R.M. Bellentani, antropologa e specialista di arte e cultura dell’India, collaboratrice scientifica del Museo delle Culture
    Nei secoli, l’Occidente si è nutrito di India soprattutto attraverso i suoi testi filosofici e le sue pratiche religiose. L’arte indiana, con la sua opulenza visiva e i canoni estetici così distanti, è rimasta più ai margini, forse per la difficoltà occidentale ad armonizzare i principi meditativi delle filosofie dell’India con tale ricchezza di forme e ostentata sensualità. Comprendere le arti dell’India significa addentrarsi in un mondo in cui regnano la figurazione, il carattere simbolico e il legame indissolubile con l’ordine divino e in cui convivono un’arte colta e canonizzata, appannaggio di gruppi sociali ben definiti, e un’arte popolare e tribale, tutta da scoprire, spesso declinata al femminile.
  • Martedì 13 marzo 2012, ore 18.30, Università della Svizzera italiana, Auditorium
    L’erotismo nell’arte dell’India

    Relatore: Francesco Paolo Campione, direttore del Museo delle Culture e professore di Antropologia dell’arte all’Università dell’Insubria (sede di Como)
    In India, l'arte della rappresentazione erotica ha origini lontane e caratterizza sia la cultura alta sia quella popolare. I corpi avvinghiati scolpiti o dipinti - spesso dalle proporzioni esagerate e drammatizzate per la natura soprannaturale degli dei e delle dee - traducono in maniera concreta i valori astratti della filosofia indiana, in cui l’unione sessuale assume un profondo significato mistico di ricerca spirituale. Il carattere esplicito e lascivo della miriade di forme di rappresentazione dell’energia sessuale dell’arte indiana ne segnò la fruizione e la diffusione in Occidente, dove assumono, nel tempo, nuovi valori e significati radicalmente diversi da quelli del loro contesto di origine.
  • Martedì 20 marzo 2012, ore 18.30, Università della Svizzera italiana, Auditorium
    Ispirazione, realizzazione, consacrazione. Come nasce un’opera d’arte tradizionale indiana

    Relatore: Gian Giuseppe Filippi, professore di Lingua e Letteratura Hindi e di Storia dell’arte dell’India e dell’Asia Centrale all’Università Ca’ Foscari di Venezia
    Alla base della filosofia dell’arte indiana vi è l’idea che la manifestazione del mondo è il compimento di un’opera perfetta di cui Dio è l’artefice. La perfezione dura tuttavia solo l’istante della creazione, a cui segue la corruzione delle cose, che le rende caotiche e opache alla conoscenza. In tale contesto ideologico, l’artista è il saggio che, seguendo una speciale via di yoga, accede al mondo degli archetipi divini, riportando sulla terra le forme celesti, dandole a conoscere agli altri umani e riconsacrando il nostro mondo profanato.
  • Martedì 27 marzo 2012, ore 18.30, Università della Svizzera italiana, Auditorium
    La rappresentazione del divino nell’arte tradizionale dell’India

    Relatore: Cinzia Pieruccini, professore di Indologia all’Università degli Studi di Milano
    Viaggiando in India s’incontrano numerose raffigurazioni, antiche e moderne, delle divinità antropomorfe dell’induismo che da almeno duemila anni è la religiosità di gran lunga maggioritaria. Nei templi dedicati a Shiva, invece, la divinità è rappresentata da una pietra fallica, il linga, e sul territorio sono diffuse rappresentazioni di altra natura. Si tratta di diverse «tradizioni» che s’intrecciano e si nutrono a vicenda, e a cui fanno da sfondo le principali concezioni e dinamiche del pensiero religioso dell’India. Si è così generato un processo che, nei secoli, si è tradotto in una lunga serie di grandi capolavori d’arte. 
  • Martedì 3 aprile 2012, ore 18.30, Università della Svizzera italiana, Auditorium
    Epilogo. Tra Occidente e Cina: l’arte contemporanea in India

    Relatore: Marco Meneguzzo, critico d'arte, professore di Museologia e Storia dell’Arte dell'Accademia di Belle Arti di Milano 
    Il sistema dell’arte indiano, così come il suo sistema produttivo più in generale, è l’unica realtà che possa competere con il colosso cinese. Gli sviluppi dell’arte, così come dell’economia, sono profondamente diversi nei due Paesi, ma è inevitabile che vengano messi a confronto e analizzati per via comparativa. Più articolata nelle sue espressioni, più libera da censure, l’arte indiana contemporanea appare più complessa, ma proprio per questo anche più difficile, meno immediatamente caratterizzabile. Inoltre, il sistema dell’arte indiano appare meno efficace di quello cinese, per cui è ipotizzabile uno sviluppo futuro improntato a una concorrenzialità interna ed estera che pone in secondo piano l’identità culturale e nazionale indiana, in favore dei singoli artisti e delle singole opere.
  • Sabato 21 aprile 2012, ore 15.00, Museo delle Culture, Heleneum, via Cortivo 26, Lugano-Castagnola
    Visita guidata all’esposizione permanente del Museo delle Culture

    Visita guidata da Giulia R. M. Bellentani e Francesco Paolo Campione
    A complemento del programma di conferenze, viene proposta una visita guidata all’esposizione permanente del Museo delle Culture che, oltre a soffermarsi sulle opere relative alla tradizione dei carri cerimoniali dell’India meridionale (ratha), illustrerà alcune delle influenze stilistiche e ideologiche che la civiltà indiana ha esercitato, nel tempo, sulle culture del Sud-Est asiatico, i cui manufatti arricchiscono la collezione del Museo. La visita guidata è aperta a tutti previa iscrizione (tel +41.(0)58.866.72.14 ; e-mail: mediazione@lugano.ch).


I prossimi appuntamenti di Altr’Arti con le grandi civiltà orientali:

  • Primavera 2013, L’Indonesia
  • Primavera 2014, Il Tibet e le Steppe

Contatti:

Cristina Elia e Giovanni Zavaritt
Università della Svizzera italiana
Tel +41 (0)58.666.47.92
e-mail: press@usi.ch

Benedetta Giorgi Pompilio
Museo Cantonale d’Arte, Lugano
Tel. +41 (0)91.910.47.87
Cell +41 (0)76.384.65.35
e-mail: benedetta.giorgi@ti.ch

Anna Poletti
Dicastero Attività Culturali
Tel. +41 (0)58.866.72.16
e-mail: info.lac@lugano.ch