IRB: dimissioni del presidente Professor Giorgio Noseda (28.06.2012)

Comunicato stampa
28 giugno 2012

 

L'Istituto di Ricerca in Biomedicina di Bellinzona, affiliato all'Università della Svizzera italiana, comunica che il Professor Giorgio Noseda, Membro fondatore dell'IRB e Presidente della Fondazione dal giugno 1997, ha rassegnato le sue dimissioni. Questa decisione risale a novembre dello scorso anno.

Giorgio Noseda ritiene che, dopo 15 anni di Presidenza, sia un gesto di responsabilità etica lasciare l'incarico a forze nuove. Egli continuerà a operare quale Membro del Consiglio di Fondazione.

Il 28 marzo scorso il Consiglio di Fondazione aveva designato quale nuovo Presidente l'Avvocato Gabriele Gendotti, già Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento dell'Educazione, della  Cultura e dello Sport, recentemente nominato Presidente del Fondo Nazionale svizzero per la Ricerca scientifica.

Il passaggio delle consegne è avvenuto in occasione della seduta del Consiglio di Fondazione dello scorso 25 giugno, alla quale è seguito un incontro con le Autorità comunali di Bellinzona.

 

L'IRB: 15 anni di crescita, con 300 studi pubblicati sulle più prestigiose riviste scientifiche

Nei 15 anni dalla sua fondazione l'IRB, diretto dal Professor Antonio Lanzavecchia, in collaborazione con altri 7 capigruppo di ricerca, ha raggiunto le 80 unità di collaboratori, con un budget annuo di 14-16 milioni di franchi. È sostenuto da Enti pubblici (Confederazione, Cantone, Città di Bellinzona ), da alcune Fondazioni (Horten, Jacob, Mäxi) e da numerosi donatori. Oltre il 40% del suo budget è coperto da fondi altamente competitivi ottenuti dai ricercatori mediante applicazioni a agenzie nazionali e internazionali di ricerca (Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica, Comunità europea, Istituto Pubblico di Salute (NIH) degli Stati Uniti e altri).

Ha pubblicato i risultati delle sue ricerche in oltre 300 articoli sulle più importanti riviste scientifiche internazionali , con un fattore di impatto (numero di citazioni che ne sottolineano l'importanza) di 11,2, che rappresenta un valore di assoluta eccellenza.

Un "eccellente successo"

Il Consiglio scientifico internazionale dell'Istituto, che si è recentemente riunito, si è così espresso: "L'Istituto di Ricerca in Biomedicina di Bellinzona (IRB) deve essere encomiato e raccomandato per il suo eccellente successo e per la produttività scientifica in aree di alto impatto. Molti dei suoi ricercatori vengono costantemente invitati a esporre i loro risultati a Conferenze e in Scuole internazionali, rappresentando Bellinzona, che è ora riconosciuta quale centro di importanza internazionale nel campo dell' immunologia e della ricerca tecnologica”.

L'IRB è affiliato all'Università della Svizzera italiana dal 2010 e all’Istituto Svizzero di Ricerca sui Vaccini (ISRV), assieme al Politecnico federale di Losanna, all’Università di Losanna, al Ludwig Institute e al Tropen Institute di Basilea, dal 2007. È partner del Politecnico federale di Zurigo dal 2008, dove il Professor Lanzavecchia è stato nominato Professore ordinario di Immunologia.

L'IRB: polo scientifico e scuola dottorale

Attorno all'IRB a Bellinzona si sono riuniti altri Istituti, che con esso collaborano: l'Istituto Oncologico di Ricerca (IOR), diretto dal Professor Franco Cavalli, il Laboratorio di Ricerca del Neurocentro della Svizzera Italiana, l'Istituto Cantonale di Microbiologia, il Laboratorio Cantonale.

Inoltre dal maggio di quest'anno si è trasferita dagli USA a Bellinzona la compagnia Humabs, alla quale sono stati dati in licenza alcuni brevetti sviluppati dall'IRB, con 12 collaboratori. In totale il polo scientifico bellinzonese conta attualmente 226 collaboratori.

L’IRB offre inoltre una scuola dottorale di alto livello, in rete con varie università svizzere e straniere: questo permette ai dottorandi dell’istituto di lavorare con docenti di confermato prestigio provenienti da tutto il mondo. Ad oggi hanno completato il programma dottorale 53 studenti di oltre 16 diversi Paesi, a ulteriore conferma della dimensione internazionale dell’IRB.